La Storia

Universal Declaration of Human Rights – Article 27

Everyone has the right freely to participate in the cultural life of the community, to enjoy the arts and to share in scientific advancement and its benefits

            La Scuola Bonamici nasce nei primi mesi del 1979 come estensione della Sezione pisana della Gioventù Musicale d’Italia. La prima Direttrice è la Presidente della sezione, Laura Guiggi Moscatelli. Nell’a.s. 1982-83 diviene Presidente della Sezione e Direttore della Scuola Giampiero Semeraro.

            Nel 1983-84 diviene Presidente e Direttore della Scuola il noto flautista Alessio Bacci, animatore della Rivista Musicale Tetrakt?s (Ediz. PNV Tetrakt?s); Carlo Deri (pianista, compositore, insegnante alla Bonamici dal 1984) diviene Vicedirettore. Dal 1986-87 diviene Direttore Carlo Deri: su iniziativa di quest’ultimo viene creato un Consiglio Direttivo eletto dagli insegnanti con scrutinio segreto; si approntano le graduatorie per l’assegnazione degli incarichi, lasciando all’ufficio della “chiamata diretta” solo i casi particolari. Nel 1990-91 Carlo Deri diviene Presidente. Nel frattempo si era creata l’Associazione Accademia Musicale Giuseppe Bonamici (presidente Lia Cini, pianista e insegnante). Per un anno convivono i due organismi: la GMI e l’ Accademia Musicale G. Bonamici per la gestione. Dal 1983-84 al 1993-94 la Scuola subisce ben 6 traslochi da una parte all’altra della città; alcuni di essi piuttosto drammatici e avventurosi, ogni volta con conseguente rinascita ed espansione.

            Nel 1995-96 è Presidente Paolo Bellatalla; si chiude l’Accademia e si crea l’attuale Associazione “Scuola di Musica Giuseppe Bonamici”. Nel 1996-97 la presidenza viene affidata ad Alessandro Bensi. Data da allora la scelta di ridisegnare la figura del Direttore: da quel momento, infatti, la Direzione cessa di essere una funzione puramente professionale (come quella dell’insegnante o del personale di segreteria) per acquisire anche i caratteri di una carica elettiva, quindi “politica”, al pari della Presidenza e del Consiglio Direttivo. Nel 2004 la presidenza viene affidata a Giovanni Motta.

            Il primo Direttore a essere eletto dal Collegio Docenti è stato, nel marzo 1997, il pianista Leonardo Bartelloni, concertista di fama; la Scuola contava allora circa 230 iscritti. Nel 2001 viene eletto dal Collegio Docenti all’unanimità il clavicembalista Ottaviano Tenerani, Direttore del noto Ensemble Il Rossignolo – Su Strumenti Originali, che assume anche la carica di Direttore di Redazione del Giornale Musicale Continuum.  Alla scadenza del suo mandato viene eletto, nel settembre 2004, il noto jazzista toscano Andrea Pellegrini, collaboratore di Paul MCCandless, Tino Tracanna ecc. Direttore dell’Orchestra Atipica Jazz Bonamici “Group_One”, concertista, insegnante, oggi anche direttore di redazione del giornale Continuum (http://www.andreapellegrini.it ). E’ la prima volta, dal 1979, che la scuola viene diretta da un musicista di jazz; caso è piuttosto raro, per scuole di queste dimensioni, in Europa. Andrea Pellegrini, instancabile animatore e attivo a livello internazionale, viene poi eletto anche nel direttivo di AIdSM  – Associazione italiana delle scuole di musica e, dal 2006, delegato per l’Italia in EMU – Eurpoean Music School Union, organismo collegato a IMC – International music council e UNESCO. L’ attività della Bonamici viene così consolidata e espansa fino agli odierni livelli di eccellenza. La scuola comprende a oggi, giugno 2008, 492 iscritti e 36 docenti.

CURIOSITÀ

I primi Diplomi

      Il primo allievo in assoluto che abbia raggiunto un Diploma è stato Giorgio Gamberini, allievo di Carlo Deri, pianoforte, nell’a.s. 1985/86; si esibì successivamente con interessanti programmi: Carnaval di Schumann, Quadri di un’Esposizione di Mussorgski, eccetera. Tra i primi allievi diplomati ricordiamo anche: Marta Montagnani, pianoforte, a.s. 1986/87, classe di Giovanni Del Vecchio, allieva di C. Deri per armonia complementare, Lettura della Partitura, Composizione; Andrea Morini, pianoforte, a.s. 1987/88, classe di C. Deri; Federica Silvetti, flauto, a.s. 1987/88, classe di Alessio Bacci; Iuri Falorni, pianoforte, a.s. 1988/89 classe di Giovanni Del Vecchio. Fra gli ex allievi ricordiamo inoltre Francesco Filidei, organista e compositore, attualmente Organista nella Chiesa del Sacro Cuore di Montmartre a Parigi e Maurizio Baglini, concertista, operante anch’esso a Parigi.  Oggi è frequente l’iscrizione alla Scuola Bonamici da parte di allievi già diplomati. Gli ultimi allievi della Bonamici diplomati in conservatorio sono stati le flautiste Elisa Azzarà e Kristyna Kress e il clavicembalista Carlo Pernigotti (2006).

I primi Docenti

     Altri musicisti hanno avuto la loro formazione di base alla Bonamici. Fra questi, alcuni sono stati successivamente insegnanti della Scuola, come Donato Sansone (Flauto diritto, Musica Antica d’Insieme), Andrea Carmagnola (Flauto diritto, Musica Antica d’Insieme), Chiara Mariani (Pianoforte), Carlo Pernigotti (pianista accompagnatore).

        Tra i docenti della Bonamici del passato: Bruno Rigacci (Direttore d’Orchestra, Compositore); Giampiero Semeraro (Pianoforte); David Bellugi (Flauto Dritto); Francesco Moccia (Chitarra); Carlo Benvenuti (Violoncello); Roberto Pappaletere (Flauto); Flavio Cucchi (Chitarra; docente, concertista); Arduino Gottardo (compositore); Francesco Giuntini (Docente Universitario di Storia della Musica) Propedeutica, Storia della Musica; Enrico Giovannini, Violino, e altri ancora.

Le prime esibizioni

            La Gioventù Musicale d’Italia (associazione nazionale con sede a Milano, all’interno della quale nel 1979 era stata fondata la Scuola Bonamici) era stata invitata dall’Università di Pisa a rappresentarla alle Settimane di Musica Vocale organizzate dall’Università di Dortmund, gemellata con quella di Pisa, inviando un certo numero di cantori in grado di eseguire le grandi opere del repertorio corale. Così, per tre anni consecutivi, la GMI ha inviato allievi e insegnanti della Scuola Bonamici che hanno partecipato alle esecuzioni del Messiah di Händel (1986), del Requiem di Mozart (1987), de La Creazione di Haydn (1988). Nel 1989 la GMI – Scuola Bonamici) invitò poi il coro dell’Università di Dortmund (Direttore: Willi Gundlach) per eseguire il Requiem di Mozart a Pisa nel Duomo.

        Oggi la Bonamici realizza circa 60 serate l’anno: Saggi degli Allievi, Lezioni Concerto, Concerti degli Allievi, “I Concerti per la Città”, incontri “Musica Oggi” a cura di Marco Lenzi, Jam Session, attività extradidattiche gratuite, attività internazionali. E’ la maggiore scuola della provincia di Pisa, una delle maggiori del centro Italia. Nonostante questo, non riceve alcun finanziamento. Vive solo delle quote degli allievi, caso unico in Europa per scuole di queste dimensioni.

ALBO D’ORO

Presidenti
dal…
1979 Laura Guiggi Moscatelli
1982 Giampiero Semeraro
1983 Alessio Bacci
1990 Carlo Deri – Lia Cini
1995 Paolo Bellatalla
1996 Alessandro Bensi
2004 Giovanni Motta
Direttori
dal…
1979 Laura Guiggi Moscatelli
1982 Giampiero Semeraro
1983 Alessio Bacci
1986 Carlo Deri
1997 Leonardo Bartelloni
2001 Ottaviano Tenerani
2004 Andrea Pellegrini
2010 Luca Brunelli Felicetti
Fan
Contattaci
Scuola di Musica Giuseppe Bonamici
Iscritta al registro provinciale delle associazioni di promozione sociale
Via V. Cuoco, 3 "I Passi" Pisa 56123

Lunedì/Venerdì (Mon./Fri.) 14:30-20:00

Tel./Fax +39 050 540 450
Mobile Segreteria +39 348 0414 547
Mobile Direttore +39 329 411 92 93

segreteria@scuolabonamici.it
direzione@scuolabonamici.it

Cod. Fisc. 93035370506
E' attivo il servizio POS Bancomat
IBAN IT58Y0503414026000000001695
BIC: BAPP IT 22
Collaborazioni con Istituto Musicale Mascagni di Livorno