Massimo Paoletti

Docente di Percussioni Latino-Americane, Collettivo di Percussioni Etniche

Massimo Paoletti inizia lo studio delle percussioni con Valerio Perla, specializzandosi nelle percussioni Afrocubane (Conga, Bongò, Guiro, Clave, ecc) e Spagnole (Cajon, Castañuelas). Segue numerosi laboratori tenuti da V. Perla presso la Scuola “El Cabildo” di Firenze. Nel 1988 entra a far parte del gruppo fusion “Stax” diretto da Franco Santarnecchi dove incontra il chitarrista Pino Marcogliese, con il quale inizia una proficua collaborazione che sfocia nella formazione di numerosi gruppi musicali di genere latinoamericano e spagnolo. E’ tra i fondatori dei gruppi Atahualpa (Andina), Araguaney (Flamenco), Almas (Rumba Flamenco), Tendençia Latina (Salsa), con i quali tiene numerosi concerti in centro Italia.

Con il batterista Luca Brunelli Felicetti inizia una collaborazione didattico-concertistica con il quale approfondisce lo studio delle percussioni Arabe quali Darbouka, Tar, Bendir, Riqq. Nel 1993 collabora alla realizzazione dello spettacolo teatrale “La porta dei canti” diretto dal regista Claudio Neri. Nel 1994 è tra i fondatori del gruppo di Salsa “Felipe y su son” con il quale tiene numerosi concerti. Collabora con il gruppo di danza Flamenca “La Rosa Negra” diretto e coreografato da Laura Silo con il quale si esibisce al Teatro Verdi di Pisa. Entra a far parte del gruppo di Musica Popolare Italiana “Ramodoro” con il quale tiene numerosi concerti in Italia e Germania (Unna), specializzandosi nello studio delle percussioni Italiane (Tamburello, Tammorra).

Come percussionista partecipa nel 2004 alla realizzazione del cd di danze strumentali medioevali “A ogni sera si strumenta a dança – Anima Mundi Consert ” edito da Tactus insieme a Luca Brunelli Felicetti.

Attualmente tiene concerti con il “Ramodoro”, con il gruppo di String-Jazz “Hot strings” e, per quanto riguarda il flamenco, prosegue la collaborazione con Pino Marcogliese. Recentemente, con la collaborazione del Prof. Pino Marcogliese, come risultato di un primo anno di corso, è nato il nucleo dell’ Orchestra di Latin Jazz della Scuola Bonamici “Mojitos“. Una prima esibizione è stata effettuata al “Dottor Jazz” di Pisa.